La "Manovra" da 25 MLD in Gazzetta: le novità per l'edilizia

  Il Decreto Legge 31 maggio 2010, n.78, la "manovra" economica varata dal governo è stata pubblicata sul Supplemento Ordinario n. 114 alla Gazzetta Ufficiale n.125 del 31 maggio 2010.

Vediamo alcune delle misure d'interesse per il settore delle costruzioni:

  • Introduzione della ritenuta fiscale (10%) per le imprese che eseguono lavori agevolati con le detrazioni del "36%" o del "55%" (art.25)
  • "Sanatoria" per gli immobili non dichiarati in catasto (cd. "immobili fantasma")
  • Obbligo di indicazione dei dati catastali per compravendite e locazioni
  • Tracciabilità dei pagamenti e Misure antiriciclaggio

Ritenuta fiscale per le imprese che eseguono lavori agevolati con le detrazioni del "36%" o del "55%" (art.25)
Per contrastare il fenomeno di evasione di alcune imprese (ai fini delle imposte dirette e dell'IVA), a decorrere dal 1° luglio 2010, il D.L. 78/2010 introduce l'obbligo, per le banche e le Poste italiane s.p.a., destinatarie dei bonifici di pagamento delle spese per le quali sono riconosciute la detrazione IRPEF del 36% e la detrazione del 55%, di operare una ritenuta del 10% a titolo d'acconto delle imposte dovute dall'impresa destinataria del pagamento.

"Sanatoria catastale" per gli immobili non dichiarati (cd. "immobili fantasma") (art.19, co. 8-13)
Entro il 31 dicembre 2010 sarà possibile regolarizzare catastalmente gli immobili, gli ampliamenti o i cambi di destinazione d'uso, non dichiarati in catasto, mediante la presentazione di una dichiarazione di aggiornamento catastale.
Il Comune, su segnalazione dell'Agenzia del Territorio effettuerà i relativi controlli urbanistici.

Obbligo di indicazione dei dati catastali per compravendite e locazioni (art.19, co. 14-16)
A decorrere dal 1° luglio 2010, per tutti gli atti pubblici e le scritture private autenticate aventi ad oggetto immobili urbani viene introdotto l'obbligo di indicazione in atto:

  • dei dati catastali dell'immobile
  • il riferimento alle planimetrie depositate in catasto
  • la dichiarazione degli intestatari sulla conformità dei dati catastali e delle planimetrie allo stato di fatto

In caso di irregolarità il notaio rogante non potrà procedere alla stipula dell'atto.

Sempre a partire dal 1°luglio 2010 la richiesta di registrazione dei contratti di locazione deve contenere le indicazioni dei dati catastali degli immobili: in caso di mancata (o errata) indicazione di tali dati viene applicata una sanzione amministrativa dal 120% al 240% dell'imposta dovuta per la registrazione dell'atto.

Misure antiriciclaggio e tracciabilità dei pagamenti
Il D.L. 78/2010 prevede (art. 20) l'abbassamento a 5.000 euro del limite massimo per il pagamento di importi in contanti e titoli al portatore (attualmente 12.500 euro).
L'art.21 prevede l'estensione della tracciabilità dei pagamenti alle operazioni rilevanti ai fini IVA di importo superiore a 3.000 euro.

Tratto da Biblus Acca